Dott. David Pescarolo - Odontoiatria forense

Lesioni conseguenti ad aggressione/violenza

In una società complessa e sempre più ricca di tensioni, le richieste di consulenza per la stima ed il risarcimento di danni odontoiatrici conseguenti ad episodi di violenza sono, purtroppo, in costante aumento, indipendentemente dall’incapacità momentanea di intendere e di volere dell’aggressore (perché sotto l’influenza di alcool e/o stupefacenti) e dall’età del medesimo (vedasi i casi di bullismo, tipicamente tra soggetti minori di 18 anni).

Dal punto di vista procedurale, la fase iniziale – comprendente visita odontoiatrica, esami strumentali, analisi della documentazione, cristallizzazione degli elementi probatori, studio del caso e parere verbale – si svolge come di consueto (per maggiori dettagli leggere: “Le tappe della consulenza”).

Ed anche in questo caso, alla fine della Fase di Studio del caso, l’assistito potrà liberamente decidere – di comune accordo con i propri legali – se/come intende procedere.

Trattandosi spesso di procedure di natura penale, per lesioni personali, l’eventuale Fase 2 della Consulenza presenta significative differenze rispetto alle più frequenti azioni di pertinenza civilistica.

La stesura per iscritto della consulenza di parte, infatti, nel procedimento di natura penale, precederà l’assistenza in fase di giudizio e la deposizione giurata in sede di dibattimento.

Risulta quindi di tutta evidenza come, in questi casi, è – se possibile – ancor più importante affidarsi ad un Odontoiatra Forense non solo serio, preparato e competente, ma anche esperto, capace di presentare in modo rigoroso le proprie argomentazioni e dotato di una solida professionalità.